ama cuore

In Italia ogni anno, a causa dell’arresto cardiaco, muore un cittadino su 800, per un totale di 70-75.000 casi complessivi. Da un’analisi statistica è emerso che tale attacco si manifesta, nella maggior parte dei casi, al di fuori delle strutture sanitarie: il 50% degli arresti cardiaci, quindi delle morti improvvise, si manifesta al domicilio, il 33% sul posto di lavoro, il 12% per strada mentre solo il 5% avviene durante attività ricreative o sportive.
L'arresto cardiaco può essere definito come l'interruzione improvvisa della funzione di pompa del cuore e, una volta verificatosi, è reversibile se vengono messe in atto le corrette e opportune procedure di assistenza.
Benché in Italia si disponga di una buona rete per l'emergenza, con mezzi di soccorso dotati di defibrillatori e quindi perfettamente in grado di rianimare i soggetti, il problema vero è il tempo di intervento: a causa di un arresto cardiaco la persona cade improvvisamente, diventa pallida, senza battito e non respira.
Affinché la rianimazione possa essere efficace, e garantire la sopravvivenza del cervello, la ripresa dell'attività cardiaca deve avvenire entro i primi 4/6 minuti dal momento in cui si è verificato l’arresto cardiaco. Oltre tale lasso di tempo, durante il quale viene a mancare l’afflusso sanguigno, il cervello umano inizia ad avere danni che, dopo soli 10 minuti, diventano irreversibili. Conseguentemente la probabilità di salvare il soggetto diminuisce del 10% ogni minuto successivo: un tempo evidentemente molto esiguo anche per i mezzi di soccorso più rapidi.
Il massaggio cardiaco esterno, eseguito tempestivamente, risulta quindi di fondamentale importanza per prolungare la sopravvivenza del cervello (in alcuni casi di parecchi minuti) e per consentire la defibrillazione su pazienti ancora vivi e senza danni cerebrali.
È altresì fondamentale che tale intervento sia effettuato nella maniera corretta, pena la sua inefficacia.
Lo scopo del progetto, nato dall’Associazione “Ama il Tuo Cuore – Onlus”, è quello di insegnare ai volontari e agli studenti le tecniche per eseguire una corretta ed efficace assistenza, creando la coscienza del “primo intervento” nella popolazione, superando i timori e le paure connesse all’eventualità di causare danni e, con esse, l'atteggiamento, tutto italiano, del "meglio non fare niente per non sbagliare" (basti ricordare che negli Stati Uniti il mancato intervento su un soggetto colpito da attacco cardiaco viene condannato come omissione di soccorso).

Da un punto di vista puramente operativo, il progetto si articola in incontri, durante i quali vengono illustrate e messe in pratica le operazioni di massaggio cardiaco.
Ogni singolo incontro consta in una prima parte, della durata di 30 minuti, nella quale un medico dell'associazione illustra l’iniziativa, a cui segue una fase operativa, di circa 90 minuti, durante la quale dei “monitori” (1 per ogni gruppo costituito da 5 persone) mostrano e fanno eseguire ai partecipanti le modalità di esecuzione del massaggio cardiaco. Mediamente in sole due ore di seduta, vengono formati circa 20 individui.
A ogni persona formata viene consegnata la certificazione di idoneità ed un manichino gonfiabile “MiniAnne” con il quale è possibile fare esercizio e mantenere nel tempo le capacità per eseguire un corretto ed efficace massaggio cardiaco.
Secondo obiettivo del progetto è fare sì che ciascun individuo formato possa, a sua volta, diventare “formatore”, favorendo, così, un effetto a catena che permetta di aumentare rapidamente il numero di soggetti in grado di effettuare un intervento di massaggio cardiaco.
Altri paesi nel mondo hanno già messo in atto iniziative di questo tipo, con effetti davvero incredibili: in Danimarca, per esempio, sono stati formati 35.000 studenti, e questi ultimi in un anno hanno formato a loro volta 85.000 persone.I costi del progetto sono stimati intorno a 40/50 € per ogni persona formata.
Il progetto di “Ama il Tuo Cuore” ha già ricevuto il patrocinio di diversi enti e associazioni: l'AREU, Azienda Regionale Emergenza Urgenza che ne ha riconosciuto la validità ed il valore sociale, la Fondazione per il Tuo Cuore, operante nella città di Gallarate, l'Azienda Ospedaliera di Gallarate, la Croce Rossa Italiana che fornisce i monitori ed ora anche del nostro Club che in questa iniziativa sarà coadiuvato dal Rotaract Club Busto Arsizio – Gallarate – Legnano “La Malpensa”.
L’obiettivo è quello di attuare la partecipazione attiva e la condivisione degli scopi istituzionali della Onlus “Ama il Tuo Cuore” con sede in Gallarate, nonché sostenerla finanziariamente.

Presentazione dell'iniziativa
leggi il documento

Progetto SALVAVITA MINIANNE
leggi il documento

Locandina Progetto SALVAVITA
leggi il documento

 

 

loader

banner gero

 

Via Mazzini, 16, - Busto Arsizio
Tel. 0331/636582 - Fax. 0331/636582
info@rotarymalpensa.it
segreteria@pec.rotarymalpensa.it


COOKIE POLICY



© 2019 - Tutti i diritti riservati.
web by sofos LAB